logo HN

Mercoledì, 02 Ottobre 2019 12:54

Affitti: dove i rendimenti sono più alti

Vota questo articolo
(0 Voti)
La mappa di Solo Affitti per chi investe nella casa per mettere a reddito La mappa di Solo Affitti per chi investe nella casa per mettere a reddito

L'analisi dell'Ufficio Studi di Solo Affitti evidenzia come nel quadriennio 2014-2018, i rendimenti medi delle abitazioni in affitto nelle principali città italiane sono aumentati di un punto, dal 5,1  al 6,1%, incremento favorito sia dall’aumento dei canoni medi (+15,3%), da 608 a 701 euro, sia dalla discesa dei prezzi medi di vendita degli immobili, passati da 2.681 a 2.529 euro/ mq. A incidere sulla crescita dei rendimenti da locazione da un lato una sempre maggiore richiesta di abitazioni in affitto nel nostro paese e, dall'altro, la perdurante stagnazione dei prezzi delle case riconducibile all’incertezza economica.

rendimentomedio soloaffittiSecondo le rilevazioni della rete immobiliare Solo Affitti, in Italia affittare un bilocale nel 2018 ha reso mediamente il 6,1%, un punto in più rispetto a quattro anni fa (2014).

A Venezia i rendimenti più bassi mentre Cagliari (8,2%), Trieste (8,1%) e Palermo (7,5%) sono i capoluoghi con i rendimenti lordi degli affitti più alti in Italia: un bilocale arredato di 55 mq nel centro città rende oltre 3 volte di più rispetto ai tassi medi di interesse dei BTP decennali nel 2018 (2,54%). 

Tra i capoluoghi che secondo Solo Affitti consentono ai proprietari di immobili di ottenere buoni guadagni ci sono anche Napoli e Torino (6,4%), di poco superiori a quelli rilevati a Milano (6,3%). Chi affitta casa in centro a Bologna (6,1%) ottiene un rendimento lordo in linea con la media nazionale. Gli introiti, seppur più alti dei titoli di Stato, sono inferiori alla media italiana a Genova, Ancona e Bari (5,7%).

Nella Capitale i rendimenti dei bilocali affittati in centro città si sono attestati attorno al 5,6%, poco più che a Firenze (5,5%) e Perugia (5,1%). A Venezia Solo Affitti ha rilevato una redditività media dei canoni pari al 4,8% per le case affittate nel centro abitato sulla terraferma.

A commento di questi risultati e a conferma della convenienza dell'investimento immobiliare, l'Ufficio Studi evidenzia che questi rendimenti lordi non sono poi così distanti da quelli netti godendo la tassazione sugli affitti, di alcune agevolazioni come per esempio la cedolare secca che prevede un’aliquota ordinaria del 21% per i contratti liberi “4+4” e una ridotta del 10% per i contratti a ‘canone concordato’. 

Potrebbe interessarti anche:

Italianway: 100mila notti vendute nei primi 9 mesi del 2019
Dal self check-in allo smart check-in con Vikey
Dagli affitti brevi agli affitti per studenti con BedStudent
HOST B2B, 22 e 23 novembre 2019, Hotel Capannelle, Roma

Cerca nel sito

banner legislazione rub

banner rescasa

banner clean




Hospitality News - Il portale dedicato ai professionisti dell'ospitalità
Hospitality News di Erminia Donadio - Portale d'informazione per il settore dell'ospitalità - Realizzazione siti internet Christopher Miani