logo HN

Giovedì, 10 Ottobre 2019 09:17

Italianway: 100mila notti vendute nei primi 9 mesi del 2019

Vota questo articolo
(1 Vota)
Appartamento Italianway  a Napoli Appartamento Italianway a Napoli

Grazie alla piattaforma software sviluppata internamente con un investimento di oltre due milioni e mezzo di euro e online dal primo gennaio scorso, la proptech dell'hospitality Italianway, ha messo a punto un’analisi socio-demografica che traccia un identikit dei viaggiatori che l’hanno scelta per soggiornare in Italia dal 1 gennaio al 30 settembre 2019. Si tratta di oltre 35mila ospiti per un volume di 20mila prenotazioni (100 mila notti vendute), ed è su queste che si concentra l’analisi, a fronte di 80mila prenotazioni gestite e 153mila ospiti accolti da quando la startup nata a fine 2014 è diventata operativa, nella primavera 2015, e che chiuderà il 2019 con un forecast di 15 milioni di turn over a un tasso di crescita del +30,6%.

L’azienda fondata da Davide Scarantino e guidata da Marco Celani che ha lanciato nel gennaio scorso il primo franchising italiano del vacation rental portando il suo progetto di ospitalità diffusa in tutto il Paese (già 40 le destinazioni attivate) con oltre 700 immobili gestiti, nei primi 9 mesi del 2019 ha accolto nelle case che gestisce oltre 35mila ospiti (35.512) totalizzando 100mila (95.752) notti vendute.

Si tratta di viaggiatori con età media 38 anni (i più giovani sono del Qatar con 28 anni, i meno giovani gli argentini con 45 anni).

La booking window media (ovvero il tempo che intercorrere tra la prenotazione e l’effettivo check in) è di 14 giorni e la moda, ovvero il valore con la frequenza più alta, è pari a 1 e ciò significa che sono sempre di più i viaggiatori che prenotano un soggiorno all’ultimo momento se non addirittura un giorno prima della partenza. Tendenza, quest'ultima, in particolare della clientela business seppure si registri lo stesso trend anche per i turisti stranieri.

Italianway provenienzaospitiProvengono da ben 157 Paesi del mondo: il 41,22% sono italiani e, a seguire in ordine decrescente, russi, francesi, tedeschi, americani, inglesi, svizzeri e cinesi.

 

Italianway valoremedioprenotazioneLa spesa media della prenotazione di un appartamento (non a notte) è di 1.058 euro per i cittadini del Kuwait che sono quelli che hanno il ticket medio di spesa più alto, seguiti da cittadini provenienti dall’Arabia Saudita (585euro) e dall’India (539euro).

Tra i primi 8 Paesi per presenze quelli che spendono di più sono i tedeschi (457euro), seguiti nell’ordine da cittadini UK (399euro), cinesi (391euro), russi (387euro), americani (376euro), francesi (368euro), italiani (270euro).

Potrebbe interessarti anche:

Ciaobooking e la sua Hospitality Revolution: il proptech alla portata di tutti
Affitti Brevi in tour riparte da Siracusa. A seguire Bari, Trieste e Parma
Dal self check-in allo smart check-in con Vikey
Dagli affitti brevi agli affitti per studenti con BedStudent

Cerca nel sito

banner legislazione rub

banner rescasa

banner clean




Hospitality News - Il portale dedicato ai professionisti dell'ospitalità
Hospitality News di Erminia Donadio - Portale d'informazione per il settore dell'ospitalità - Realizzazione siti internet Christopher Miani