logo HN

Martedì, 25 Gennaio 2022 16:26

L'andamento e i trend del vacation rental in Europa nel 2021: dati e analisi di AirDNA

Vota questo articolo
(0 Voti)
L'andamento e i trend del vacation rental in Europa nel 2021: dati e analisi di AirDNA

I dati di AirDNA preannunciano un 2022 di recupero totale rispetto al 2019 per la maggior parte dei paesi europei nel comparto del vacation rental. Con l'emergere della variante Omicron, le prenotazioni hanno registrato un rallentamento con il 17% in meno di notti prenotate a dicembre 2021, proprio dopo che novembre aveva segnato il - 8% rispetto al 2019. Tuttavia, per tutto il 2021, c'è stato il 40% in più di prenotazioni rispetto all'anno precedente, e guardando al primo trimestre del 2022, la domanda è quasi pari (+0,3%) all'inizio del 2019 e ben l'88% in più rispetto all'inizio del 2021. Guardando più avanti all'estate, da giugno a settembre, il 2022 è in calo solo del 10% rispetto ai livelli del 2019. Tutto questo costituisce una solida base di partenza per il 2022 e il confronto del 2021 con gli anni passati ci offre informazioni sulle tendenze emergenti nel mercato europeo degli affitti a breve termine.

Mentre la domanda totale per il continente rimane del 24,2% inferiore ai livelli del 2019, la domanda del 2021 è aumentata del 18,4% rispetto ai minimi del 2020.

L'offerta europea ha continuato a rallentare, con il numero di inserzioni mensili medie disponibili in calo del 4,8% nel 2021 rispetto al 2020 (-15,7 % rispetto al 2019). 

Poiché la domanda è aumentata per la scarsa offerta, gli host sono stati in grado di addebitare tariffe più elevate: nel 2021, le tariffe medie giornaliere (ADR) sono cresciute del 22,0% rispetto al 2019 e del 13,8% rispetto al 2020. Gli ADR più elevati, associati all'aumento della domanda, hanno spinto le entrate fino all'8,3% al di sotto dei livelli del 2019 (35,5% rispetto al 2020).

La domanda ha continuato a favorire le aree al di fuori delle 25 città più grandi d'Europa, poiché gli ospiti hanno scelto le fughe in destinazioni meno popolose. La domanda al di fuori delle 25 città più grandi nel 2021 è cresciuta del 16,1% rispetto al 2019 e del 21,5% rispetto al 2020. Nel frattempo, la domanda totale per le 25 città più grandi d'Europa nel 2021 è scesa del 57,9% rispetto al 2019 (-1,8% rispetto al 2020).

DOMANDA CAMBIATA

Sorprendentemente, l'offerta non si è ripresa allo stesso ritmo della domanda in tutta Europa. Rispetto al 2019, gli annunci mensili medi disponibili nel 2021 nelle prime 25 città d'Europa sono diminuiti del 36,1%, mentre erano inferiori del 22,0% rispetto al 2020. Il calo degli annunci mensili medi disponibili nel resto d'Europa è stato meno forte, essendo stato solo del 15,7% inferiore nel 2021 rispetto al 2019 (-4,8% vs 2020).

Prima della pandemia, le città più grandi con unità più piccole detenevano la maggior parte dell'offerta e questi mercati hanno continuato a perdere quotazioni nel 2021. La domanda si è spostata verso mercati più piccoli, tipicamente rurali o costieri, con tipi di unità più grandi e unici. In questi mercati più piccoli, l'offerta è cresciuta per soddisfare la domanda. Ciò indica che il mix di offerta nel 2021 era distinto da quello del 2019, anche se di volume inferiore. Nel 2021, gli ospiti hanno soggiornato in luoghi e tipi di unità diversi per tempi, tariffe e motivi diversi rispetto al 2019.

demandbycountryIl dettaglio con i singoli Paesi ci dice che la Russia è stato l'unico grande paese europeo a vedere una domanda positiva per tutto il 2021 rispetto al 2019, con una crescita del 10,1%. 13 dei 20 paesi hanno realizzato livelli di domanda positivi nel 2021 rispetto al 2020, con una crescita a doppia cifra per 10 dei 13 paesi. Russia, paesi con costa mediterranea e Regno Unito hanno guidato la ripresa della domanda, mentre l'Europa centrale ha sottoperformato le altre principali mercati. La Republica Ceca continua ad avere maggiori difficoltà a recuperare la domanda. I livelli sono inferiori del 20,6% rispetto al 2020 e del 60,8% rispetto al 2019.

Guardando oltre all'estate 2022, infine, i dati sul 2002 ci dicono che la Danimarca sta guidando i principali paesi europei per ritmo della domanda estiva, con il 71,2% in più di notti prenotate nel 2022 rispetto a gennaio 2019, seguita da vicino da Germania (54,1%) e Austria (28,4%). Anche Regno Unito, Grecia e Croazia stanno registrando aumenti per l'estate (giugno-settembre) negli stessi mesi del 2019.

La finestra di prenotazione ovvero il numero di giorni in media da quando un ospite che ha effettuato la prenotazione al check-in, nel periodo giugno-settembre 2021 è stato di 48 giorni, tre settimane più breve rispetto al 2019.

Data l'attuale incertezza su Omicron e i tempi di prenotazione costantemente più brevi per la maggior parte dei viaggiatori, AirDNA prevede che la domanda effettiva potrebbe superare le cifre attuali, salvo cambiamenti importanti nelle condizioni di viaggio che, come purtroppo abbiamo potuto constatare negli  ultimi 2 anni, possono cambiare in qualsiasi momento e avere un enorme impatto sulle prestazioni effettive.

Potrebbe interessarti anche:

Lo short term rental in Italia ed Europa a dicembre 2021 (dati AirDNA)
Federalberghi: i dati di preconsuntivo del 2021
Federalberghi: le previsioni per Natale e Capodanno 2021
Il mercato del vacation rental in Italia a novembre 2021 (dati AirDNA)

Cerca nel sito

banner legislazione rub

banner rescasa

banner clean




Hospitality News - Il portale dedicato ai professionisti dell'ospitalità
Hospitality News di Erminia Donadio - Portale d'informazione per il settore dell'ospitalità - Realizzazione siti internet Christopher Miani