logo HN

Giovedì, 18 Maggio 2017 09:47

Il fenomeno degli affitti brevi, HomeAway

Vota questo articolo
(1 Vota)
Il fenomeno degli affitti brevi, HomeAway

HomeAway è uno dei principali players del mercato delle case vacanza, a livello mondiale. Un mercato non nuovo in Italia ma esploso negli ultimi anni con un impatto importante sull'economia e sul turismo, giudicato positivamente o negativamente a seconda dei punti di vista o del comparto di appartenenza senza avere molto spesso una corretta comprensione del fenomeno. Ne parliamo con Ana Perdigao, che in qualità di Regional Manager EU Government & Corporate Affairs and Southern Europe di HomeAway, parteciperà al dibattito Hotel vs Apartment - Le regole del gioco, il prossimo 24 maggio a Milano.

Domanda - Quali sono i dati di HomeAway sul fenomeno degli affitti brevi? 

ana perdigaoAna Perdigao - Come HomeAway lavoriamo da tantissimi anni nel settore degli affitti e i dati degli ultimi periodi sono ottimi. Su questo pesa indubbiamente la crescita dell'online, ma non solo.

Il mercato delle case vacanze è stato considerato a lungo come un mercato per sistemazioni alternative. È un punto di vista che ha finito per cambiare radicalmente, fino a che le case vacanza non sono diventate mainstream.

Secondo l’indagine Phocuswright 2015 (Private accommodation and the New Rental Traveler), i viaggiatori europei hanno optato in massa per questa soluzione nel momento in cui hanno cercato una sistemazione per le loro vacanze (l’anno precedente, il 29% dei viaggiatori francesi, tedeschi e inglesi aveva scelto di affittare una casa intera per trascorrere le proprie vacanze).

E se si considera che 1 affittuario su 5 appartiene alla generazione dei Millenial (età dai 18 ai 34 anni), ciò apre una vera e propria finestra sul futuro che ci spinge a credere che questo fenomeno si svilupperà ulteriormente negli anni a venire.   

Domanda - Quali sono i principali cambiamenti del mercato delle case vacanza in Italia e quali i probabili ulteriori sviluppi futuri?

Ana Perdigao -  Il mercato italiano delle case vacanze è stato a lungo frammentato da tanti piccoli affittuari od operatori privati soliti ricorrere al sistema del passaparola per affittare le loro proprietà.

Ciononostante, il successo di piattaforme come HomeAway ha contribuito a consolidare il mercato e a dare maggiore rilevanza all’offerta di case vacanza italiane, soprattutto nei confronti dei viaggiatori internazionali.

La nostra forza è quella di portare turismo qualificato e stabile, in grado di contribuire alla crescita economica delle località turistiche. Grazie alle case vacanza possiamo attrare turisti alla ricerca di location specifiche e adatte alle loro preferenze. Soprattutto, riusciamo a portare turismo e risorse nelle località meno battute dai circuiti turistici tradizionali che guardano alle grandi città d'arte.  

L’offerta, inoltre, non è mai stata tanto visibile, facile da prenotare e più sicura. È poi concepita in modo da rispondere adeguatamente agli standard internazionali e alle aspettative dei viaggiatori.

L’avvento di ulteriori sviluppi tecnologici farà sì che questo mercato possa crescere ancora di piu. 

partners sostenitori

Domanda - Come portale di prenotazione, quali sono le regole del gioco che dovete rispettare?

Ana Perdigao -  HomeAway rispetta tutte le leggi presenti nei territori in cui opera, che siano Europee, nazionali o regionali. Va tenuto sempre presente che il nostro è un business misto poiché nato molti anni fa.

Per questo motivo, offriamo opzioni differenti a proprietari e viaggiatori: in alcuni casi, le nostre offerte sono semplici annunci volti a mettere in contatto le parti, con la transazione che rimane un affare privato e gestito al di fuori del sito; in altri casi invece proponiamo un sistema di check out che consenta ai viaggiatori di prenotare la loro sistemazione online mediante il nostro portale.

Domanda - Quali sono quelle che invece invocate per una operatività migliore e per andare incontro al maggiore rispetto delle regole, invocato dal settore alberghiero in primis? 

Ana Perdigao -  In primo luogo è bene ricordare che il settore delle case vacanza è complementare ad altri tipi di sistemazione dal momento che risponde a diverse esigenze o tipologie di viaggiatore.

Contribuisce inoltre all’attrattività turistica del nostro paese. Senza l’offerta delle case vacanza, molti turisti – specialmente quelli provenienti dall’estero – potrebbero prendere un’altra decisione al momento di scegliere la propria destinazione.

Per essere ​ancora più attrattivi nei confronti dei turisti, non dobbiamo penalizzare il mercato degli affitti brevi ma anzi, al contrario, lo dovremmo semplificare facendo incontrare allo stesso tavolo governo e Regioni. L'obiettivo deve essere quello di avere semplici e chiare regole che valgano per tutti gli attori del mercato e poi lasciare spazio alla concorrenza.

Per la gran parte dei proprietari, l’attività di affitto è soltanto un modo per generare reddito addizionale. Per questo motivo, regole chiare e semplici possono essere capite meglio e adottate tempestivamente da questi stessi affittuari privati. Troppa complessità o un numero di regole eccessivo potrebbero danneggiare un’attività economica di successo e impattare negativamente sul livello di attrattività dell’Italia in quanto destinazione turistica.

Potrebbe interessarti anche:

I servizi di portineria on demand: limiti, prospettive e la sfida futura
Il consumatore-turista ibrido che cambia e muove il mercato
"Econochic", il concetto innovativo di B&B Hotels
Il lusso tra stelle, servizi e formazione

Cerca nel sito

donne turismo




Hospitality News - Il portale dedicato ai professionisti dell'ospitalità
Hospitality News di Erminia Donadio - Portale d'informazione per il settore dell'ospitalità - Realizzazione siti internet Christopher Miani