logo HN

Domenica, 06 Ottobre 2019 23:39

Dal self check-in allo smart check-in con Vikey

Vota questo articolo
(1 Vota)
Dal self check-in allo smart check-in con Vikey

La tecnologia negli affitti brevi ha il duplice ruolo di aver consentito l'ottimizzazione dei processi per l'host con conseguente risparmio di tempo e costi ma anche di aver migliorato l'esperienza dell'ospite. Dall'apertura della porta, ormai considerata uno standard di base, si è arrivati alla gestione completa del check-in in tutte le sue fasi e anche oltre, sino all'includere nel mondo del vacation rental i servizi che agiscono sulla guest experience e che si prestano molto bene anche al segmento del lusso. Protagonista di questo processo, che dal check-in automatizzato allo smart check in, arriva appunto sino al lusso, è Vikey e ce lo raccontano i suoi fondatori Luca Bernardoni e Matteo Caruso.

Domanda - Come la tecnologia ha cambiato e sta cambiando l'offerta nel vacation rental con Vikey?

Luca Bernardoni e Matteo Caruso - Dal rivoluzionare prima il modo di effettuare il check-in, con l'apertura da remoto di porta e portone e che oggi anche Airbnb premia come valore aggiunto dell'offerta, la tecnologia ci ha consentito adesso di completare il processo di digitalizzazione dell'hospitality trasformando le vecchie serrature in dispositivi smart, veloci e sicuri. 

Vikey lockL'innovativo cilindro Vikey Lock, pensato per rispondere sempre più alle esigenze degli host, si installa in pochi minuti sulla porta di casa – al posto del cilindro europeo – e rende la serratura completamente digitale, ossia apribile da cellulare. Una soluzione più rapida e di minor impatto sulla struttura: prima dell’introduzione di Vikey Lock era necessario invece elettrificare la porta di casa per consentirne l’apertura a distanza.

Siamo convinti che nel giro di pochi anni le chiavi saranno destinate a scomparire dalle nostre tasche e molti degli aspetti della vita quotidiana e del lavoro saranno gestiti interamente da smartphone. Le serrature digitali e il self check-in rivoluzioneranno il settore dell’home sharing. Gli ospiti arriveranno in città, sceglieranno un appartamento e potranno accedere immediatamente con la stessa semplicità con cui oggi si sceglie un film on-demand.

Grazie alla piattaforma Vikey - accessibile da pc, tablet o da cellulare - tra l'altro si possono gestire tutte le pratiche burocratiche relative all’arrivo degli ospiti. È possibile riscuotere la tassa di soggiorno e altri pagamenti, ricevere i documenti di identità già nel formato compatibile con quello del portale alloggiati della Polizia di Stato, far firmare il contratto e molto altro.

Si tratta dunque di una gestione completa del check-in in piena libertà.

Domanda - La tecnologia dunque impatta fortemente sui costi, lato host ma anche sull'experience, lato guest.

Luca Bernardoni e Matteo Caruso - Certamente in un settore in cui i margini sono bassi e la competitività elevata, la gestione dei costi diventa fondamentale. 

Il vantaggio per i professionisti del vacation rental è che grazie a Vikey, gli host possono gestire la loro struttura ricettiva ovunque si trovino: al lavoro, al mare o all’estero con incredibili vantaggi in termini di tempo e soldi.

Inoltre, l’offerta di un servizio di domotica incide positivamente anche sulle recensioni dei clienti, altro tema di fondamentale importanza, perché si evitano ritardi e perdite di tempo: i viaggiatori una volta arrivati possono dedicarsi subito alla loro vacanza.

Il tema è di estrema attualità e ne parleremo giovedì 10 ottobre a Rimini nel corso di TTG Travel Experience nel corso della tavola rotonda "Tecnologia e ospitalità: il connubio vincente per gli affitti brevi". Da recenti studi è emerso che la percezione degli ospiti riguardo alle strutture in cui soggiornano è fortemente influenzata dalle soluzioni tecnologiche adottate dalle stesse: le reputano elementi imprescindibili della loro esperienza di viaggio e chiedono che i gestori continuino a investire in tal senso.

Domanda - Tecnologia e lusso nel vacation rental, quale il legame con Vikey?

Luca Bernardoni e Matteo Caruso -  La risposta è nella nostra partnership con Altido, società specializzata nell’hospitality alternativa con oltre 1.700 strutture gestite in Europa e che ha aperto a Milano il primo Smart Boutique ApartHotel: ALTIDO Galleria è una sistemazione esclusiva e d’eccellenza che coniuga i comfort di un albergo d’alta gamma con la privacy e la riservatezza di un appartamento.

vikey altidoUna soluzione smart e tecnologicamente innovativa, non un hotel e non un appartamento, ma dodici sistemazioni uniche, caratterizzate da metrature che vanno dai 27 ai 42 mq e arredate nei minimi dettagli, oltre a corridoi, due aree lounge comuni e una reception a disposizione dalle 8.30 alle 22.30. Ogni camera presenta una connessione wi-fi ad alta velocità, un hotel TV fino a 65’’ con contenuti dedicati e una soluzione tecnologica in grado di monitorare alcuni indicatori per la sicurezza e il benessere degli ospiti come la qualità dell’aria nell’ambiente (standard richiesto dalle più grandi catene alberghiere) o gli sprechi di energia. Tramite questa tecnologia il team di ALTIDO è in grado di agire prontamente e anche da remoto per rendere più serena e piacevole la permanenza degli ospiti.

Inoltre l’ospite può accedere autonomamente ad ALTIDO Galleria, aprendo con il proprio cellulare l’ingresso alla struttura e alla propria camera, attraverso una tecnologia e un’app già integrate nella soluzione e sviluppate da noi di Vikey per l’apertura da remoto e la gestione online del check-in.

Utilizzando l’app è inoltre possibile usufruire di svariati servizi a valore aggiunto come il transfer aeroportuale, cene gourmet, carta di vini e champagne con servizio in camera, il servizio lavanderia, parcheggio nonché la prenotazione di visite in città e sul territorio. 

Una tecnologia smart dunque che di adatta perfettamente al segmento del lusso. 

 

Vikey - startup parte del portafoglio di LVenture Group – ha rivoluzionato il settore dell’ospitalità, digitalizzando completamente il check-in ed eliminando le chiavi per case vacanze, hotel e B&B.
Grazie a Vikey, infatti, gli host possono aprire agli ospiti tramite app o permettergli di accedere in totale autonomia grazie al self check-in.
Inoltre, Vikey automatizza la burocrazia del check-in facendo sì che ogni aspetto venga gestito online, prima dell’arrivo degli ospiti: dall’invio dei documenti al Portale Alloggiati, al pagamento della tassa di soggiorno fino alla firma del contratto di locazione o di termini e condizioni. In questo modo gli host possono gestire le proprie strutture ovunque si trovino e contare su un notevole risparmio di tempo e costi. 
Vikey è presente in 5 Paesi con più di 2.000 dispositivi installati, per un totale di 40.000 ospiti gestiti al mese e un risparmio complessivo per gli host al mese pari a 335.000 €.

Potrebbe interessarti anche:

Italianway: 100mila notti vendute nei primi 9 mesi del 2019
Dagli affitti brevi agli affitti per studenti con BedStudent
Affitti: dove i rendimenti sono più alti
HOST B2B, 22 e 23 novembre 2019, Hotel Capannelle, Roma
Hospitality News - Il portale dedicato ai professionisti dell'ospitalità
Hospitality News di Erminia Donadio - Portale d'informazione per il settore dell'ospitalità - Realizzazione siti internet Christopher Miani