logo HN

Lunedì, 07 Dicembre 2015 20:05

AccorHotels compra altri alberghi in Europa

Vota questo articolo
(0 Voti)
AccorHotels compra altri alberghi in Europa

Dopo la recente acquisizione di 43 alberghi da Foncière des Régions, il gruppo AccorHotels annuncia un altro importante acquisto che aggiunge ancora 29 alberghi per un totale di 3.677 camere in Europa continuando la trasformazione di Hotel Invest che diventa sempre più attivo come investitore alberghiero europeo e chiude nel 2015 transazioni immobiliari per 1 miliardo di euro.   

Quest'ultima transazione che ha un valore di 284 millioni di euro, ha per oggetto asset di 3 diversi investitori: un portfolio proviene da AXA Investment Managers – Real Assets che ha ceduto per conto di suoi clienti asset per un totale di 56 milioni. Si tratta di 19 alberghi in Francia (1.512 camere) che sono stati gestiti in affitto da Accor Hotels dal 2008 con i marchi ibis budget, ibis, Novotel e Mercure.

Il secondo portfolio è stato acquisito da Invesco per 152 milioni e comprende 6 hotel per un totale di 1.347 camere, di cui 2 situati in Germania, 2 in Italia, 1 nei Paesi Bassi e 1 in Austria. Anche questi erano già gestiti da Accor Hotels con i brand Novotel e Mercure.

La terza acquisizione di 76 milioni di euro è avvenuta con Deutsche AWM e ha avuto per oggetto 4 Novotel con 818 camere di cui ben 2 a Madrid, 1 a Barcellona e 1 a Siviglia. Anche questi in affitto prima dell'acquisizione che è stata conclusa il 27 novembre scorso. Gli altri due deal invece saranno finalizzati entro metà 2016.

Potrebbe interessarti anche:

Passaggio di proprietà per il Novotel Malpensa e il Radisson Blu Hotel Milano
IHG lancia voco™, il nuovo brand di fascia alta
B&B Hotels,1 nuovo hotel a settimana nel 2018
La rinascita di Torino nella trasformazione del Double Tree by Hilton Torino Lingotto

Cerca nel sito




Hospitality News - Il portale dedicato ai professionisti dell'ospitalità
Hospitality News di Erminia Donadio - Portale d'informazione per il settore dell'ospitalità - Realizzazione siti internet Christopher Miani