logo HN

Sabato, 06 Agosto 2016 10:41

Turismo estate 2016, ottimo andamento ad agosto, mese pieno di Italiani

Vota questo articolo
(2 Voti)
Policoro Lido - Basilicata Policoro Lido - Basilicata Dario Cusimano

L’indagine last minute sui consumi turistici estivi degli italiani commissionata da Federalberghi e che riguarda tutti i tipi di soggiorno, non solo quello in albergo, evidenzia un agosto caratterizzato da un un ottimo andamento di turisti italiani. Saranno più di 22 milioni quelli che si metteranno in movimento in questo mese per raggiungere una delle tante località turistiche del Bel Paese. Il momento clou si realizzerà in questo week end.

I numeri che vanno consolidandosi per il periodo giugno-settembre parlano di un’estate di vacanze per 33,3 milioni di persone tra maggiorenni e minorenni, pari al 55% dei connazionali, che costituisce un +9,5 rispetto al 2015. Questo incremento si rifletterà anche sul giro d’affari che chiuderà con un +17,2% passando dai 18,3 miliardi di Euro del 2015 ai 21,5 miliardi di Euro di quest’anno.

L’indagine è stata realizzata con il supporto tecnico dell’Istituto ACS Marketing Solutions ed effettuata dal 25 al 29 luglio con il sistema C.A.T.I. (interviste telefoniche) a un campione di 1.200 italiani maggiorenni rappresentativo degli oltre 60 milioni di connazionali maggiorenni e minorenni.

Crescono, dunque, nel quadrimestre estivo (giugno-settembre) gli italiani che hanno trascorso o trascorreranno una breve vacanza fuori dalle proprie mura domestiche, dormendo almeno 1 notte fuori casa.

La durata media quest’anno è di 11 notti rispetto alle 8 notti del 2015 e nel 74,5% dei casi (quasi 25 milioni) gli italiani rimarranno in Italia, mentre nel 25,5% dei casi (quasi 8,5 milioni) andranno all’estero.

Nella generalità dei casi la vacanza estiva degli italiani è ‘consumata’ in località marine. I nostri lidi stanno accogliendo infatti oltre il 70% del popolo dei vacanzieri. Di questa percentuale quasi il 62% preferisce il mare della Penisola o delle due isole maggiori, mentre quasi l’11% si riversa nelle suggestive e numerose isole minori.

Segue in classifica generale le località d’arte maggiori e minori con il 7,7% (rispetto al 4,2% del 2015), la montagna con il 6,7% delle preferenze (rispetto al 7,8% del 2015), le località lacuali dove si attesta il 5,1% della domanda complessiva italiana (rispetto al 2% del 2015) e le località termali e del benessere con il 2,7% della domanda (come nel 2015).

Per chi sceglie di “espatriare” e, quest’anno sono circa 8,5 milioni i connazionali che si sposteranno oltre confine, la scelta ricade essenzialmente sulle grandi capitali europee e sui mari tropicali.

Le grandi capitali europee raccolgono infatti il 38,8% della domanda (rispetto al 43,3% nel 2015), seguite dai mari tropicali/località esotiche con il 14,2% rispetto al 17,7% del 2015.

La spesa stimata per le vacanze estive (comprensive di viaggio, vitto, alloggio e divertimenti) è di 869 Euro (rispetto ai 786 Euro del 2015).

Tra le tipologie di soggiorno, scelte dagli italiani per trascorrere le proprie vacanze estive, l’albergo rimane il leader incontrastato. Il 27% lo sceglie rispetto al 24,5% del 2015.

Seguono, nell’ordine, la casa di parenti o amici con il 22,9% rispetto al 21,7% del 2015, la casa di proprietà con il 13,5% rispetto al 10,6% del 2015, il villaggio turistico col 12,1% (7,6% nel 2015) e l’appartamento in affitto con l’11,3% (12,1% nel 2015).

Crescono i residence con l'8,7% (7,1% nel 2015) e i campeggi con il 5,3% (4,3% nel 2015).

È Agosto, anche quest’anno, il mese più gettonato in assoluto, per giunta in ulteriore consolidamento. Il 67,7% (rispetto al 60,9% del 2015) di chi è in vacanza lo ha scelto per il proprio periodo di ferie estive.

Segue Luglio col 14,4% (rispetto al 13,6% del 2015).

Settembre vedrà il 9,2% della domanda (rispetto al 10,8% del 2015).

Giugno ha raccolto il 6,4% della domanda (rispetto al 12,3% del 2015), con una flessione in gran parte determinata dalle condizioni meteorologiche.

Numeri di tutto rispetto - commenta il Presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca - che non ci devono però indurre a crogiolarci sugli allori. Al Governo, che si accinge a varare il piano strategico nazionale del turismo, -dichiara Bocca- chiediamo di sganciare le zavorre che limitano la competitività delle nostre imprese e indichiamo tre priorità: ridurre la pressione fiscale per consentire investimenti nella riqualificazione delle strutture, contrastare ogni forma di concorrenza sleale e di esercizio abusivo delle attività turistiche, promuovere la presenza dell’Italia sui mercati internazionali e la destagionalizzazione della domanda turistica. È imperativo accompagnare la crescita di uno dei pochi settori che crea ricchezza e occupazione in Italia, mentre altri rami dell’economia crescono al ritmo dello zero virgola e spostano la produzione all’estero.

Potrebbe interessarti anche:

Halldis, redditività in aumento per gli affitti a breve termine
Confindustria Alberghi: Estate 2018 tra conferme e qualche novità
Estate 2018, l'indagine previsionale di Federalberghi
trivago, Estate 2018: stranieri al nord e Italiani al sud

Cerca nel sito




Hospitality News - Il portale dedicato ai professionisti dell'ospitalità
Hospitality News di Erminia Donadio - Portale d'informazione per il settore dell'ospitalità - Realizzazione siti internet Christopher Miani