logo HN

Giovedì, 18 Luglio 2019 18:45

Decreto sicurezza bis, strutture ricettive: approvato emendamento all'art.5

Vota questo articolo
(0 Voti)
Decreto sicurezza bis, strutture ricettive: approvato emendamento all'art.5

Le Commissioni I e II della Camera dei Deputati, nella seduta del 18 luglio, hanno approvato un emendamento all’articolo 5 del decreto-legge “sicurezza bis”, concernente la comunicazione delle generalità delle persone alloggiate, che i titolari delle strutture ricettive devono trasmettere alle Questure entro le ventiquattr'ore successive all'arrivo dei clienti, ai sensi dell’articolo 109 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza.

Il testo originario dell’articolo 5 riduceva i termini per tale comunicazione, stabilendo che - nei casi in cui il soggiorno ha una durata inferiore alle ventiquattro ore - essa dovesse avvenire “con immediatezza”.

La nuova formulazione prevede che la comunicazione possa avvenire entro sei ore, mediante collegamento diretto tra i computer degli alberghi e il cervellone del Viminale. La norma entrerà in vigore non appena il Ministero dell’Interno definirà gli standard tecnici necessari per effettuare tale collegamento.

Come evidenziato da Federalberghi anche nel corso dell'audizione parlamentare sulla proposta di legge C1913, recante disposizioni urgenti in materia di ordine e sicurezza (cosiddetto decreto-legge “sicurezza bis”), gli alberghi hanno sinora consegnato la chiave della camera agli ospiti subito dopo aver richiesto il documento di identità. La registrazione dei dati e la trasmissione dei dati alla Questura avvenivano in un momento successivo. Con il passaggio alla comunicazione immediata, i clienti avrebbero dovuto invece attendere la conclusione della procedura. Nelle ore di punta, si sarebbero potute creare lunghe code. E l’albergatore si sarebbe trovato di fronte a un dilemma, combattuto tra il desiderio di risparmiare l’attesa al cliente che arriva in albergo, magari dopo un lungo viaggio, e il rischio di incorrere in una sanzione penale, che può comportare sino a tre mesi di arresto.

La soluzione adottata, invece, utilizzando da un lato la tecnologia per accelerare la velocità della comunicazione e assegnando dall'altro un termine ragionevole per l’esecuzione di quelle operazioni che richiedono necessariamente l’intervento umano, consentirà di risolvere questo problema e garantire un servizio migliore agli ospiti.

Potrebbe interessarti anche:

Thomas Cook: Mibact apre tavolo di lavoro
Imposta di soggiorno: più rischi che benefici?
Tax credit per la riqualificazione delle strutture ricettive e termali, a rischio per il 2020
Decreto legge sicurezza bis, Federalberghi chiede di rinviare l'entrata in vigore della normativa

Cerca nel sito




Hospitality News - Il portale dedicato ai professionisti dell'ospitalità
Hospitality News di Erminia Donadio - Portale d'informazione per il settore dell'ospitalità - Realizzazione siti internet Christopher Miani