logo HN

Martedì, 04 Marzo 2014 12:11

HVS: Transazioni alberghiere al top nel 2013, in aumento l'interesse del Medio Oriente

Vota questo articolo
(0 Voti)
HVS: Transazioni alberghiere al top nel 2013, in aumento l'interesse del Medio Oriente

Il volume delle transazioni europee nel settore alberghiero nel 2013 ha raggiunto un nuovo picco dall'inizio della crisi finanziaria globale, segnalando un ritorno del mercato immobiliare alberghiero.
L'articolo pubblicato da HVS sulle transazioni alberghiere nel 2013 in Europa in concomitanza con l'Hotel International Investment Forum in corso a Berlino, riferisce che il volume totale delle transazioni in Europa ha raggiunto € 7,7 miliardi nel 2013, un aumento del 39% rispetto ai 5,6 registrati nel 2012. Il primo trimestre del 2013 ha ricompreso oltre la metà del volume totale delle transazioni del periodo analizzato, pari a € 4,2 miliardi di euro.

"L'industria alberghiera europea ha segnato un andamento positivo in tutto il 2013. La maggior parte dei mercati hanno visto la crescita dei tassi di occupazione e dei prezzi medi con un volume di transazioni alberghiere che ha raggiunto il suo punto più alto dal 2007. Il finanziamento per i prime assets è più facilmente disponibile, sia dalle banche domestiche che estere, cambiando il panorama degli investimenti alberghieri", ha commentato Veronica Waldthausen, co-autore del rapporto di HVS Londra, 2013 European Hotel Transactions.

Il Regno Unito è stato, ancora una volta , il mercato più liquido in Europa, con un volume di transazioni che ha raggiunto 3 miliardi di euro, pari al 39 % delle vendite totali, mentre i Paesi Bassi hanno avuto il maggior incremento nelle transazioni: 500 milioni a fronte di 118 nel 2012.

Le attività nell'anno sono state trainate dalle vendite di portafoglio che hanno registrato una crescita del 48% rispetto ai livelli del 2012, per un totale di 3,3 miliardi di euro. Le operazioni più importanti includono l'acquisizione conclusa da Constellation Hotels di 4 hotel del Gruppo Louvre da Starwood Capital per € 700 milioni, l'acquisto di ADIA (Abu Dhabi Investment Authority) di 42 hotel Marriott nel Regno Unito per 640 milioni, e l'acquisto dei portafogli Malmaison e Hotel du Vin dalla società di private equity KSL per 234 milioni di euro.
 
Mentre le operazioni di portafoglio nel Regno Unito rappresentavano poco meno del 60 % delle camere totali vendute in portafoglio, questo si traduceva nel 48% del volume totale, con un prezzo medio per stanza di 122 euro. La Francia si aggiudica il secondo posto con 1 miliardo di euro e un prezzo a camera di circa 292 euro. In Germania il mercato degli investimenti alberghieri ha visto un aumento nelle attività di portafoglio di quasi il 400 % nel 2012, che riflette l'esigenza di investire in un'economia stabile e in crescita e dove le tariffe medie giornaliere hanno un potenziale di crescita , data la loro bassa base di partenza rispetto al resto d'Europa.

Le vendite dei singoli asset rappresentano il 57% del volume totale delle transazioni nel 2013, pari a 4,4 miliardi di euro con un incremento del 32% rispetto al 2012. Il prezzo di vendita per camera è cresciuto del 13% con una media di 208 euro, riflettendo un miglioramento del sentiment degli investitori e la qualità degli asset sul mercato. Nel Regno Unito, le vendite di singoli asset sono state pari a 1,4 miliardi di euro e superiori a qualsiasi altro mercato europeo. Circa il 60% delle transazioni erano nella capitale, compresa la vendita di InterContinental Park Lane a Constellation Hotel per 463 milioni di euro (1.000.000 di euro per camera).

Nel 2013 gli acquirenti del Medio Oriente hanno giocato un ruolo significativamente più grande nel mercato transazioni alberghiere. Il capitale dall'area in media è passato al 30% del volume totale, con una crescita in termini assoluti da € 646.000.000 a € 2,3 miliardi. Vendite di singoli asset a individui con un'elevata disponibilità (ad alto patrimonio netto - HNWI) sono cresciute del 70% nel 2013 a € 982.000.000 , in quanto gli investitori , tra cui quelli del Medio Oriente, hanno dimostrato un crescente interesse per l'acquisizione di key asset in tutta Europa.

Gli investitori istituzionali, compresi i fondi sovrani, rappresentano circa il 42 % delle vendite di portafoglio il 19 % di acquirenti di asset singoli. Operatori alberghieri hanno mostrato interesse per l'acquisto di asset strategici come parte dei loro piani di espansione , tra cui Mandarin Oriental con l'acquisizione del Mandarin Oriental di Parigi dal proprio partner Société Foncière Lyonnaise per 290 milioni, e The Dorchester Collection con l'acquisto dell'Hotel Eden a Roma per 105 milioni da Starman. Società di private equity come Starwood Capital, Blackstone e AXA Real Estate Investment Managers dimostrano un continuo interesse verso gli hotel.

"Ci aspettiamo che gli HNWI e i fondi sovrani sia da Asia che dal Medio Oriente continuino a svolgere un ruolo ancora più importante nel mercato immobiliare europeo poichè cercano di investire in prime asset", ha commentato Louise Fury, co-autore dell'articolo. "Inoltre , gli investitori nordamericani - principalmente aziende di private equity, investitori immobiliari e investitori istituzionali - guardano all'Europa come una regione attraente con un potenziale di crescita continua e un relativamente migliore rapporto qualità-prezzo. La domanda ora è se ci siano abbastanza attività disponibili per la vendita per soddisfare la domanda degli investitori?"

Potrebbe interessarti anche:

Fondi immobiliari e investimenti alberghieri in Italia
La rivoluzione del turismo che cambia il mercato immobiliare
Focus sul mercato alberghiero di Firenze, HVS
Hotel Investment: è Parigi la città con l'indice di attrattività degli investimenti alberghieri più alto

Cerca nel sito




Hospitality News - Il portale dedicato ai professionisti dell'ospitalità
Hospitality News di Erminia Donadio - Portale d'informazione per il settore dell'ospitalità - Realizzazione siti internet Christopher Miani