logo HN

Martedì, 25 Ottobre 2016 19:25

JLL: Investimenti ancora in crescita in Italia, compreso il comparto hotel

Vota questo articolo
(0 Voti)
JLL: Investimenti ancora in crescita in Italia, compreso il comparto hotel

Continua il trend positivo per il Real Estate italiano che nei primi nove mesi del 2016, secondo i dati di JLL, ha totalizzato volumi di investimento per 5.7 miliardi di euro, il 14% circa in più rispetto allo stesso periodo del 2015. Il terzo trimestre 2016 ha visto la chiusura di deal per circa 1,5 miliardi di euro con un contributo rilevante ai volumi totali da parte del settore Uffici e di quello Retail.

Più nel dettaglio il settore degli Uffici nel Q3 2016 ha registrato la chiusura di 15 operazioni per circa 580 milioni di euro di investimenti contribuendo a confermare il direzionale quale prodotto di forte interesse nel panorama italiano in grado di raggiungere circa 2,5 miliardi di euro di volumi nei primi nove mesi dell’anno e registrando un incremento del 28% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Questo elevato interesse ha determinato un’ulteriore compressione dei rendimenti netti prime sia a Milano che a Roma con valori che nel Q3 2016 hanno raggiunto rispettivamente il 4,30% e il 4,65%.

Da evidenziare la ripresa del settore Retail che, con circa 650 milioni di euro registrati nel Q3 2016, ha rappresentato il 43% dei volumi totali del trimestre raggiungendo nei primi nove mesi del 2016 oltre 1,5 miliardi di euro: il doppio di quanto registrato nello stesso periodo del 2015 e il 30% circa in più rispetto al totale del 2015 per il settore Retail. I rendimenti netti prime sono rimasti stabili rispetto al Q2 2016 per tutti i sub-segmenti del Retail.

Il settore della logistica nel Q3 2016 ha rallentato rispetto alla notevole dinamicità del Q2 facendo registrare la chiusura di soli due deal per circa 40 milioni di euro. La dinamica per l’anno in corso è comunque positiva per questo settore con livelli YTD 2016 di investimenti pari a circa 340 milioni di euro il doppio dello stesso periodo del 2015. Risultano inoltre in pipeline per fine anno diverse operazioni. I rendimenti netti prime sono diminuiti nei mercati di Bologna (7,10%), Torino (8,10%) e del Veneto (7,60%).

Da evidenziare la buona performance del settore Hotel che da inizio anno ha visto circa 600 milioni di euro investiti (contro i 690 del totale 2015) raggiunti attraverso la chiusura di 13 operazioni.

Anche il mercato occupier per gli Uffici segnala una buona attività nella città di Milano, che ha registrato un assorbimento di circa 60.600 mq, un dato in aumento rispetto al Q3 2015 (+42%). Canoni stabili a 500 euro al metro quadrato all’anno nelle prime location del Centro Storico e del CBD e in aumento nei sottomercati del centro e semicentro.

A Roma il Q3 2016 ha visto un assorbimento di circa 41.000 mq un dato superiore del 24% circa rispetto alla media trimestrale degli ultimi 5 anni. Andamento positivo anche per i canoni che sono aumentati nell’E.U.R. e nel CBD.

L’interesse per l’Italia continua anche da parte dei retailer: i canoni prime a Roma sono aumentati nel Q3 2016 sia per i parchi commerciali (215 euro al metro quadrato all’anno) che per il prodotto High Street (3.900 euro al metro quadrato all’anno).

Il mercato leasing per la logistica ha registrato circa 284.000 mq di assorbimento portando il take-up YTD 2016 a 904.000 mq (il 66% in più rispetto all’YTD 2015). La dinamicità nella macroarea di Milano è segnalata anche dall’incremento dei prime rent che hanno raggiunto quelli di Roma al valore di 52 euro al metro quadrato all’anno.

Potrebbe interessarti anche:

STR: Il parco hotel a livello globale è cresciuto del 18% in 10 anni
Sempre più residenziale nel futuro di Four Seasons
Hotel Real Estate: Petroholding Italia punta al raddoppio all'Elba
Gestione hotel: le mete italiane più richieste dagli operatori turistici

Cerca nel sito




Hospitality News - Il portale dedicato ai professionisti dell'ospitalità
Hospitality News di Erminia Donadio - Portale d'informazione per il settore dell'ospitalità - Realizzazione siti internet Christopher Miani