logo HN

Giovedì, 08 Luglio 2021 20:47

Scenari: Il mercato immobiliare alberghiero nel 2021

Vota questo articolo
(0 Voti)
Scenari: Il mercato immobiliare alberghiero nel 2021

La terza edizione di Hospitality forum organizzata da Castello Sgr e Scenari Immobiliari oggi a Milano, ha evidenziato come nonostante l'industria turistica sia stata quasi affondata dalla pandemia, con una perdita nel 2020 di 1300 miliardi di dollari (undici volte superiore alla crisi economica del 2009), il settore potrà riprendersi rapidamente perché c’è desiderio di muoversi da parte delle famiglie e voglia di innovare da parte degli operatori. Il settore turistico e il mercato alberghiero italiano hanno visto ridursi fino al 70% i propri fatturati, dopo anni di crescita costante e anche il 2021 vede una ripresa debole, soprattutto sul versante degli stranieri. Ma per Mario Breglia, presidente di Scenari Immobiliari, è il momento per migliorare l’offerta e renderla più competitiva. Gli investimenti previsti nel PNRR aumenteranno la rete infrastrutturale e permetteranno uno sviluppo importante nei prossimi anni. Anche gli investimenti alberghieri, sono in forte aumento in Italia che rimane ai primi posti nelle scelte dei grandi operatori internazionali e gli investitori italiani guardano con crescente interesse al settore.

La crisi derivante dalla pandemia è costata al settore turistico italiano ventotto miliardi di euro, un punto e mezzo della ricchezza nazionale. Si sono persi circa 90mila posti di lavoro, con una forte componente femminile. Particolarmente penalizzate le città d’arte con cali di presenze fino all’84% di Firenze. La presenza di turisti stranieri è calata di oltre due terzi, con danni soprattutto all’economia del centro Italia.

Il Rapporto 2021 sul mercato immobiliare alberghiero di Scenari Immobiliari rivela che a livello europeo nel 2020 il mercato ha toccato il minimo del secolo con 12 miliardi di euro transati (meno 68% sull’anno precedente). È in corso una ripresa che dovrebbe portare gli scambi a 19 miliardi di euro a fine anno. Solo nel 2023 si supererà l’anno record 2019 con oltre 40 miliardi di euro di scambi. scenari2021 1

Anche il mercato immobiliare alberghiero italiano ha sofferto nel 2020 con soli 1,5 miliardi di transazioni, dopo un eccezionale 2019. La spinta degli investitori è però molte forte e si prospettano due anni di forti incrementi e di nuove aperture, non solo nelle città più importanti, ma anche nelle migliori località turistiche. La vera sfida per il mercato italiano non è solo la crescita degli hotel cinque stelle (ci stiamo avvicinando alla media europea) ma gli alberghi di livello a quattro stelle per intercettare la fascia di turisti più ampia e in crescita.

scenari2021 2

La crisi pandemica ha colpito anche il mercato della locazione breve, con un calo dell’80% nel 2020. È in corso una ripresa che dovrebbe portare a circa 300mila contratti nel corso del 2021.scenari2021 5

Un’analisi originale presentata da Scenari Immobiliari riguarda il peso delle case offerte per locazione breve sul totale delle case per zona. Dominano le Cinque terre dove quasi il 60% delle abitazioni sono sul mercato della locazione breve.

scenari2021 3

Le prospettive del comparto alberghiero e turistico sono comunque incoraggianti a guardare i segnali che si colgono in questi primi mesi del 2021, sostenuti da una crescente domanda interna, e mostrano che l’intero settore alberghiero sta ripartendo come anche gli investimenti nell’alberghiero italiano che – afferma Mario Breglia, presidente di Scenari Immobiliari – "dovrebbero triplicare nel prossimo triennio e toccare i tre miliardi di euro nel 2023. Almeno secondo le intenzioni dei gestori, raccolte con un ampio sondaggio nelle scorse settimane. L’Italia si conferma al secondo posto, dopo la Francia, nelle scelte internazionali per gli alberghi di alta gamma”.

scenari 2021 1

Quasi la metà degli investitori infatti punta ad alberghi cinque stelle urbani oppure a resort di lusso in zone marine o di montagna.

scenari 2021 2

C’è molto potenziale nel nostro mercato – aggiunge Francesca Zirnstein, direttore generale di Scenari Immobiliari – ma l’offerta è spesso di qualità modesta e i valori immobiliari sono molto alti”.

Si cercano gestori qualificati e anche una stagionalità turistica più lunga, soprattutto nelle zone del sud Italia. Le grandi città turistiche rimangono al primo posto nella scelta di investimento, ma cresce l’attenzione verso aree eccellenti del Mezzogiorno, come Lecce e Palermo.

scenari 2021 3

Potrebbe interessarti anche:

5 isole italiane low-cost dove investire nel 2021
Estate2021, Enit: l'outdoor si conferma trend consolidato
Immobiliare turistico Italia, estate 2021: la casa vacanza conquista acquirenti e investitori
Milano, la pandemia non ferma la crescita del mercato immobiliare

Cerca nel sito




Hospitality News - Il portale dedicato ai professionisti dell'ospitalità
Hospitality News di Erminia Donadio - Portale d'informazione per il settore dell'ospitalità - Realizzazione siti internet Christopher Miani