logo HN

Martedì, 11 Ottobre 2016 23:54

Tra i Marriott Hotels il primo albergo al mondo incubatore dell'innovazione

Vota questo articolo
(0 Voti)
Tra i Marriott Hotels il primo albergo al mondo incubatore dell'innovazione

Marriott Hotels, il marchio di punta di Marriott International, ha festeggiato l'apertura del suo M Beta al Charlotte Marriott City Center, negli USA, un laboratorio di innovazione che funziona come il primo hotel al mondo in "beta dal vivo."

Dall'entrata senza chiavi all'arrivo alle esperienze digitali nella sala fitness, ogni angolo dell'hotel permette la prototipazione rapida, invitando gli ospiti a provare e dare un feedback in tempo reale, costruendo nello stesso tempo, la loro esperienza futura in hotel.

In questo modo gli ospiti diventano parte attiva dei processi di innovazione e decisionali e questo hotel un terreno per testare nuovi interessanti concetti.

Pulsanti fisici Beta si trovano in tutto l'hotel per valutare il feedback dei consumatori con un conteggio in tempo reale. Semplicemente premendo un pulsante, ospiti e visitatori condividono la loro 'approvazione' per l'innovazione corrispondente. Engagement, voti e commenti sulle innovazioni dell'hotel sono poi aggregati e riportati in tempo reale su schermi digitali disposti in tutto l'hotel.

Prodotti e servizi presenti in hotel o nel futuro, verranno valutati periodicamente. Questi, alcuni lanciati e testati all'M-Beta del Charlotte Marriott City Center:

  • Hosted Arrival: Non più il tradizionale check-in alla reception, ma persone che danno il benvenuto all'arrivo in movimento, anche nella lobby o sul marciapiede. 
  • FLEX Fitness: Gli ospiti hanno accesso a quasi 1.000 allenamenti on-demand di gruppo e personali disponibili sugli schermi nella tech-driven, sala fitness on-demand o in camera.
  • Cucina completa all'interno dello spazio riunioni per un'esperienza di cibo e bevande elevata che può essere adattata a qualsiasi tipo di raduno, da un brainstorming a un evento di networking.
  • Cucina immersa nel ristorante: rimuovendo le pareti tra la cucina e la sala da pranzo, gli ospiti sono al centro e possono interagire con lo chef che li può intrattenere con piatti creati al momento e lo spazio si adatta anche a corsi di cucina o degustazione di prodotti tipici locali.

Potrebbe interessarti anche:

La rinascita di Torino nella trasformazione del Double Tree by Hilton Torino Lingotto
IHG investe nel lusso e ingloba gli hotel a marchio Regent
Best Western Italia: 21 nuovi hotel affiliati nel 2017
Hilton: da Como verso destinazioni iconiche e particolari

Cerca nel sito




Hospitality News di Erminia Donadio - Portale d'informazione per il settore dell'ospitalità - Realizzazione siti internet Christopher Miani