logo HN

Martedì, 06 Dicembre 2016 12:35

Regali online: la startup italiana Salabam sceglie i viaggi

Vota questo articolo
(1 Vota)
Regali online: la startup italiana Salabam sceglie i viaggi

Salabam è una piattaforma web per regalare viaggi online: dai gift card o cofanetti fisici si passa all'acquisto online e al regalo 2.0, direttamente attraverso il web, senza necessità di carta, packaging e spedizioni che impattano sui costi e sull'ambiente. La start up Salabam nasce con la specifica missione di rendere semplice il fare regali online e in particolare regalare i viaggi. Attraverso il sito si crea una nuova esperienza del dono, del viaggio e un'idea per le aziende per viaggi incentive o regali aziendali con attenzione particolare alla Corporate Social Responsibility.

Quello dei regali online è un mercato difficile da definire ma dalle dimensioni ragguardevoli. I dati eMarketer riportati dalla Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo (UNCTAD, Information and technology report 2015) parlano di 268 milioni di acquirenti online nel 2013, solo in Europa. Ipotizzando una spesa annua, pro-capite per regali online di 100 Euro, si può stimare un mercato di riferimento (Serviceable Available Market, SAM) di circa 26 miliardi di Euro che dovrebbe andare oltre i 32 miliardi di Euro già nel 2018.

Il regalo Salabam si acquista online, si invia al beneficiario per email e questi va online per consultare, scegliere e prenotare con pochi click disponibilità dinamiche che provengono dai grandi operatori di viaggio globali. Per il destinatario del regalo questo significa semplicità, nessuna email o telefonata di conferma. In più, è chi riceve il regalo che sceglie la destinazione del suo viaggio e l’hotel in cui pernottare.

La startup italiana Salabam nasce a fine 2015 per iniziativa di alcuni imprenditori e professionisti del settore del travel incentive e della comunicazione con lo scopo rendere il fare regali online non solo semplice e sicuro ma, soprattutto, divertente, sociale e creativo

«L’idea è quella di portare questa cosa del fare regali, un’attività antica come l’uomo, nella dimensione del web 2.0, dei social network e del web collaborativo», ci racconta Marco Mazza, 43 anni, socio fondatore che segue la strategia di business e il fund raising della giovane start-up. 
«Il servizio che stiamo sviluppando si caratterizza per una radicale integrazione con i principali social network e grazie a questo, l’attività in sè del regalare, diventerà divertente perchè coinvolgerà gruppi di persone, amici e conoscenti, non solo nella scelta del regalo e nel suo pagamento ma soprattutto nella creazione di contenuti personali.
Stiamo lavorando allo sviluppo di funzionalità entusiasmanti.»

Salabam significherà quindi, non solo poter creare mini-community di persone che si uniscono per contribuire alla spesa di un regalo, ma significherà anche la trasformazione del regalo in una “storia”, il cosiddetto “storify del regalo”. Le storie, le narrazioni, quelle che oggi sono al centro dell’economia, del marketing e anche della politica, su Salabam diventano “storie” che nascono, attorno al regalo, sul wall virtuale di Salabam e sono fatte di contenuti multimediali pubblicati dagli utenti: dai donatori e dai beneficiari del regalo.

«Il potenziale virale di questa dimensione sociale di Salabam è decisivo nel nostro modello di business» continua Marco Mazza.
«La viralità di Salabam è strutturale al funzionamento del servizio stesso e non deve essere invece innescata con costose e complesse campagne di marketing.
Ad esempio, l’utente che decide di fare un regalo trasformerà, con molta probabilità, la persona che lo riceve in un nuovo utente. Se poi colui che decide di fare un regalo con Salabam sceglie anche di ricorrere alle funzioni del regalo di gruppo invitando altri amici a contribuire, il numero di utenti cresce in modo molto sostenuto così come avviene nei casi studio delle start up tecnologiche di maggior successo.»

Oggi Salabam propone anche un servizio corporate per la regalistica aziendale, le incentivazioni e le campagne di loyalty. La gestione non prevede spedizione di scatole o pacchetti ma è completamente online e per lo stesso motivo può essere valorizzata sul fronte della Corporate Social Responsibility. La piattaforma web viene inoltre personalizzata, senza alcun costo aggiuntivo, con la brand identity dell’azienda. 

Potrebbe interessarti anche:

Vikey, la virtual key per un check-in sempre puntuale
Affitti brevi: Italianway protagonista a Milano
Vacanze ecologiche negli agriturismi italiani
La startup Click&Boat raccoglie 4 milioni per l’espansione globale

Cerca nel sito




Hospitality News di Erminia Donadio - Portale d'informazione per il settore dell'ospitalità - Realizzazione siti internet Christopher Miani