logo HN

Mercoledì, 29 Marzo 2017 11:46

Crescono gli esercizi ricettivi in Lombardia

Vota questo articolo
(1 Vota)
Crescono gli esercizi ricettivi in Lombardia

Sono stati resi noti recentemente i dati dell’Annuario statistico regionale di Eupolis Lombardia, che configurano un quadro di costante crescita del settore turistico-ricettivo nel territorio lombardo. 

Alla fine del 2015 il numero di esercizi ricettivi si attesta a 8532, di cui il 39% costituito da esercizi complementari, il 33,9% da strutture alberghiere, il 27,1% da bed&breakfast.

Gli esercizi complementari, - denominazione assai discutibile ma è quella utilizzata da Eupolis - includono campeggi, villaggi turistici, agriturismi, ostelli, rifugi di montagna e alloggi privati. La maggior parte di essi si trova nella provincia di Brescia ( 25,4% ), seguita dalle province di Milano (14,8 % ), Bergamo ( 13,5% ) e Sondrio ( 12,8% ).

La capacità ricettiva media degli esercizi complementari è minore rispetto a quella delle strutture alberghiere (45 posti letto per struttura), con caratteristiche differenti a seconda delle province di appartenenza: Varese, con 89 posti letto è la realtà con le strutture più grandi, seguita da Brescia e Lecco, entrambe con 78 posti letto.

Per quanto riguarda le strutture alberghiere, la massima concentrazione si trova, ancora una volta, a Brescia ( 24,8% ) e Milano ( 23,4% ).

Milano si posiziona al primo posto per il numero di bed&breakfast ( 19,3% ), seguita da Brescia ( 15,8% ), Bergamo ( 14% ), Varese ( 9,9% ) e Como ( 9,8% ).

In Lombardia i bed&breakfast in media offrono ai loro ospiti 5 posti letto, ben al di sotto del massimo consentito dalla nuova legge su turismo e attrattività.

Per il 2015, in generale, il dato è un aumento della ricettività nell’ordine del 8,5%, con un incremento di strutture pari a 667 rispetto all’anno precedente. Tra le strutture, quelle che crescono maggiormente sono i bed&breakfast, che mettono a segno un +302 strutture e gli esercizi complementari, con un +350 strutture registrate.

Naturalmente, nel novero degli esercizi complementari, un discorso a parte meritano le CAV (case appartamento vacanze), il cui sviluppo esponenziale andrà definito quantitativamente, alla luce del regolamento attuativo della legge 27/15, entrato in vigore solo nell’agosto del 2016.

Massimo Costa, Segretario Generale Rescasa

Potrebbe interessarti anche:

Roma: locazioni turistiche senza bollino Covid free
Affitti brevi: Halldis chiede il concordato preventivo per andare oltre la crisi
Il futuro dell'Home Sharing: la parola all'Host
Vacation Rental: prenotazioni in aumento del 127%, spinte dal turismo domestico

Cerca nel sito

banner legislazione rub

banner clean




Hospitality News di Erminia Donadio - Portale d'informazione per il settore dell'ospitalità - Realizzazione siti internet Christopher Miani